54.81.47.168 - 1
round-account-button-with-user-inside.pn
0

Our webstore uses cookies to offer a better user experience and we recommend you to accept their use to fully enjoy your navigation.

close

Bruno Bordese

Bruno Bordese

Iconico. All’avanguardia. Sorprendente.

Da oltre 25 anni, Bruno Bordese è il Maestro della calzatura. Le sue scarpe sono dei veri status symbol, dei must have per trend setter, artisti e creativi di tutto il mondo. Pezzi unici e riconoscibili grazie a un mix di elementi classici e di tendenza, nati dalla continua sperimentazione di materiali diversi.

Bruno inizia la sua carriera come designer e direttore creativo presso la Maison Paciotti. E negli anni collabora con marchi come Vivienne Westwood, Cavalli, Guardiani, Casadei, Guess, Levi’s, Gaudi e Crime che si affidano a questo artista visionario per rinnovarsi.

Bordese si definisce una “spugna” che trae ispirazione dalla streetart, dai mercatini dell’antiquariato e dal lifestyle delle nuove generazioni.

I viaggi sono la sua linfa vitale, ma è Milano la sua base operativa.

Nel 1994 crea la sua prima linea, Clone, che in breve tempo si trasforma in un marchio di tendenza e il cui successo viene decretato da buyers e trend setter internazionali.

Nel 1995, Bruno Bordese si stabilisce in uno studio storico milanese, in Corso Venezia 37, lo stesso dove Giorgio Armani aveva iniziato il suo percorso stilistico.

Nel 1998 apre il suo primo monomarca a Milano, in Corso Venezia, seguito da Parigi (1999) e Tokyo (2000).  

Creativo, sperimentatore e alla ricerca di rinnovamento, nel 2000 crea la linea Bruno Bordese in cui combina tecnologia e design, sport e fashion, creando un prodotto che è nello stesso tempo comfortable e glam.

Nel 2003, Bruno Bordese rischia ancora, applicando una nuova tecnica al trattamento della pelle. Attraverso a un particolare lavaggio in lavatrice, nascono le sue iconiche scarpe dall’effetto vintage e destroyed che saranno alla base della nascita del marchio BB Washed.

La prima regola di Bruno Bordese è stare al passo con i tempi, evolvere.

Per questo i suoi interessi spaziano da arte a musica e coinvolgono generazioni diverse. Un mashup di elementi che ha creato un seguito di consumer dai mille volti e dalle mille professioni e che gli ha permesso di diventare il designer cult di artisti, musicisti, dj e producer come Tale of Us, Damian Lazarus, Apollonia, Ali Dubfire, Ellen Allien, Marco Carola.